Tu sei qui:

Tipi di eruzioni vulcaniche



A seconda delle diverse tipologie di vulcani attivi presenti sul pianeta e in base al magma eruttato è possibile distinguere almeno 7 tipi di eruzioni vulcaniche.


INDICE




Eruzione di tipo hawaiano


E’ un’eruzione effusiva – ovvero non esplosiva, quindi caratterizzata dalla produzione di lava molto fluida e calda.
In alcuni casi, come per i vulcani delle Hawai, il magma eruttato proviene direttamente dal mantello terrestre e forma sacche di magma note come hot spot.
Il vulcano che genera un’eruzione di tipo hawaiano ha in genere fianchi poco ripidi.
La lava eruttata è molto basica e perciò è talmente fluida che può scorrere per chilometri senza subire un consistente raffreddamento.



Tra i vari tipi di eruzioni vulcaniche quella hawaiana è la meno pericolosa e l'unico serio rischio è rappresentato da un’eventuale interazione tra lava e acqua.
Come si evince dal nome è un tipo di eruzione che prende il nome dai vulcani dalle Hawaii come il Kilauea e il Mauna Loa.


eruzione di tipo hawaiano
(Fonte licenza Shutterstock)



Eruzione di tipo islandese


Le eruzioni di tipo islandese sono generate da vulcani fissurali o lineari, ovvero edifici vulcanici costituiti non dal classico rilievo di forma conica ma da una insieme di lunghe fratture parallele dalle quali fuoriesce la lava.
Questi particolari vulcani eruttano magmi basici ed ultrabasici e sono situati soprattutto lungo le dorsali oceaniche (come in Islanda, terra di geyser e vulcani subglaciali) .
Al termine di un'eruzione la fessura eruttiva può sparire, perché ricoperta dalla nuova lava, e riapparire nella successiva eruzione.
La sovrapposizione di numerose colate può creare nel tempo una sorta di cono vulcanico come avvenuto nel campo lavico Holuhraun nei pressi del vulcano Bardarbunga.


eruzione di tipo islandese
(Fonte licenza Shutterstock)



Eruzione di tipo pliniana (e peleano)


Queste eruzioni, prodotte dagli stratovulcani, prendono il nome da Plinio il giovane che per primo descrisse questo tipo di eruzione osservando l'eruzione del Vesuvio del 79 d.C..

Le eruzioni sono estremamente violente per via dell’alta viscosità dei magmi espulsi.
Si formano frequentemente nubi ardenti, costituite da gas e lava polverizzata, e più delle volte queste eruzioni si concludono con il collasso parziale o totale dell'edificio vulcanico o con la fuoriuscita di una spina vulcanica o duomo di lava.

Altre varianti dell'eruzione pliniana sono le eruzioni ultra-pliniane (o krakatoiane).
Questo tipo di eruzioni possono distruggere completamente l'edificio vulcanico come effettivamente avvenuto con il Santorini o il Krakatoa.


Nei vulcani di tipo peleano, si assiste ad un'eruzione non centrale (dal cratere) ma laterale, che provoca lo smembramento di parte dell'edificio vulcanico.
Tale eruzione ha effetti devastanti concentrati nella direzione di eruzione della nube ardente che può distruggere qualsiasi cosa presente anche nel raggio di 20 km dal vulcano (come accaduto nel 1980 durante l'eruzione del Monte Saint Helens).
Questi tipi di eruzioni vulcaniche spesso sono anticipate da intensi sciami sismici e da terremoti anche di forte intensità.
Se vuoi conoscere dove sono avvenuti gli ultimi eventi sismici in Italia ti consigliamo di dare uno sguardo alla nostra lista terremoti.


eruzione vulcano Pinatubo





Eruzione di tipo stromboliano


È un tipo di eruzione vulcanica che prende il nome dalla attività eruttiva del vulcano Stromboli.
Magmi basaltici molto viscosi danno luogo a un'attività duratura caratterizzata dalla emissione a intervalli regolari di fontane e brandelli di lava .
Durante le eruzioni di tipo stromboliano possono essere prodotte bombe vulcaniche di notevoli dimensioni.


La ricaduta di questi prodotti crea coni di scorie dai fianchi abbastanza ripidi.


eruzione di tipo stromboliano
(Eruzione Stromboli 2014 - foto realizzata da Domenico Rosso)





Eruzione di tipo vesuviano


Le eruzioni di tipo vesuviano, dette anche sub-pliniani, sono estremamente esplosive e possono svuotare gran parte della camera magmatica
Quando questo tipo di eruzione raggiunge il suo aspetto più violento viene chiamata eruzione pliniana.


eruzione Vesuvio
Fonte immagine





Eruzione di tipo vulcaniano


Dal nome dell'isola di Vulcano nell'arcipelago delle Eolie, sono eruzioni esplosive nel corso delle quali vengono emesse bombe di lava e nuvole di gas cariche di ceneri.
Le esplosioni possono produrre fratture eruttive, la rottura del cratere e l'apertura di bocche laterali.





Grandi caldere (supervulcani)


Le grandi caldere, anche noti come “supervulcani”, sono depressioni di forma circolare ampie svariati chilometri formatesi nel corso di eruzioni violentissime.
Sono supervulcani lo Yellowstone, i campi Flegrei, il lago Toba e i colli Albani.
Queste eruzioni sono in grado di influenzare il clima a livello globale (a tal proposito ti consigliamo di leggere il nostro articolo sul legame tra attività vulcanica e clima).


lago Toba
(Fonte: Nasa)





Le esplosioni freatiche si verificano quando il magma provoca l'evaporazione quasi istantanea dell'acqua, con conseguente esplosione di vapore, acqua, cenere, roccia e bombe vulcaniche.
Se è presente della roccia fusa è detta eruzione freatomagmatica.


eruzione freatomagmatica



Torna su