Tu sei qui:

Il fenomeno vulcanico del bradisismo


Il bradisismo è un fenomeno tipico di alcune aree vulcaniche del pianeta e consiste in un periodico abbassamento o innalzamento del suolo che è impercettibile, in maniera diretta, dall'uomo.

In alcuni casi però, come nell'area del supervulcano dei Campi Flegrei, se il fenomeno del bradisismo è intenso e prolungato nel tempo può addirittura trasformare, in maniera temporanea, il paesaggio circostante.


INDICE



Il significato del termine

Il termine bradisismo fu coniato nel 1883 dallo scienziato e geologo italiano Arturo Issel per descrivere un evento completamente differente rispetto ai comuni terremoti.
La parola "bradisismo", inventata associando i due termini greci "bradýs" (lento) e "seismós" (scossa), significa letteralmente "terremoto lento" ma tutti noi sappiamo che gli eventi sismici durano in realtà relativamente poco e causano il rapido e violento movimento di un grande volume di roccia (a tal proposito se ti interessa, dopo aver terminato la tua lettura, dai uno sguardo alla pagina nella quale spieghiamo cos'è una faglia).


movimento terremoto


Invece, nelle aree interessate dal bradisismo, il terreno di muove verso l'alto o verso il basso in maniera estremamente lenta: quando il terreno si solleva si tratta di bradisismo positivo mentre se il terreno si abbassa viene definito dagli esperti come bradisismo negativo.


bradisismo positivo e bradisismo negativo




Le cause del bradisismo

Le cause del bradisismo sono molteplici e in realtà non sono ancora del tutto chiare.
Fino a qualche anno si credeva che in ogni caso il terreno si muovesse (a ritmi molto lenti) a causa del riempimento o dello svuotamento della camera magmatica di un vulcano ma in realtà per ogni area vulcanica - e a seconda del caso - il meccanismo potrebbe essere differente e quindi richiedere una spiegazione diversa.

Per quanto riguarda ad esempio i Campi Flegrei, ovvero il vulcano che più al mondo è interessato dal fenomeno del bradisismo, secondo recenti studi potrebbe dipendere dal riscaldamento delle acque delle falde acquifere.


i campi flegrei visti dallo spazio


Anche in merito ai Campi Flegrei, ovvero un'enorme area vulcanica situata nel golfo di Pozzuoli a pochi chilometri di distanza dal Vesuvio, fino a non molto tempo fa si credeva che il lento movimento del suolo fosse dovuto solo ed esclusivamente a variazioni di magma all'interno della camera magmatica ma in realtà questa teoria è stata più volte oggetto di critiche da parte di alcuni esperti perchè il sollevamento del suolo in effetti può essere provocato dal magma in "risalita" ma l'abbassamento del suolo non può essere causato dalla ridiscesa del magma.
Il magma infatti, una volta giunto a profondità più superficiali, ha 2 possibilità: causare un'eruzione vulcanica oppure raffreddarsi e solidificarsi.
Inoltre, secondo molto studi, i Campi Flegrei e il Vesuvio sono collegati in profondità e alimentati dalla stessa sorgente magmatica.

adsens

Secondo recenti studi il bradisismo positivo dell'area flegrea, osservato in quest'ultimi anni, pare dipenda dalla presenza di acqua nelle falde sotterranee che, riscaldate dal calore del magma, determinerebbero un accumulo di vapore nel sottosuolo e quindi una pressione tale da causare il sollevamento del terreno.


le cause del bradisismo


"Praticamente il terreno inizia a gonfiarsi come farebbe una torta in un forno".

Invece, secondo quest'ultima ipotesi, l'abbassamento del suolo avrebbe luogo quando nei condotti sotterranei è presente meno acqua e quindi meno vapore che spinge verso l'esterno.
Il momento più critico riguarda dunque le fasi di bradisismo positivo, ovvero di sollevamento del suolo, perché se l'acqua presente nel complesso vulcanico entra in contatto col magma potrebbe provocare una vera e propria eruzione vulcanica di tipo esplosivo (detta anche eruzione idromagmatica).




Il bradisismo dei Campi Flegrei

Purtroppo nei Campi Flegrei da alcuni anni è in atto un forte sollevamento del suolo che è ormai è fonte di apprensione per i milioni di abitanti che vivono nell'area di Napoli.
A causa del bradisismo, dal gennaio 2011 al gennaio 2021, il suolo nell'area dei Campi Flegrei si è sollevato di oltre 69 centimetri e partire dal settembre 2020 la velocità media di sollevamento è di circa 13mm al mese.


sollevamento del suolo nei campi flegrei

(sollevamento dell'area flegrea / fonte INGV)


La velocità è aumentata nel corso del tempo e per tale motivo sono in molti a temere un eruzione imminente dei Campi Flegrei.

Eppure, a dimostrazione di quanto sia complesso tale fenomeno e non sempre chiare le cause del bradisismo, si crede che il forte sollevamento avvenuto nell'area flegrea negli anni '80 sia stato prodotto dall’azione di una sorgente magmatica localizzata tra 4 e 6 km di profondità.
Altre interpretazioni suggeriscono invece un ruolo preponderante del sistema idrotermale, interessato da flussi di gas e calore provenienti da magma più profondo.

adsens

Ad oggi nessuno sa dire se e quando i Campi Flegrei erutteranno anche perché non è detto che a un sollevamento del suolo così intenso debba necessariamente seguire un'eruzione vulcanica.
L'ultima eruzione è avvennuta secoli e secoli fa ma le decine di crateri vulcanici presenti nell'area si sono formati nel corso di numerosi episodi eruttivi.
Se ti interessa saperne di più leggi l'articolo Visitare la caldera vulcanica dei Campi Flegrei.

Nell'area flegrea da sempre si alternano fasi di bradisismo negativo e bradisismo positivo:

  • dal 900 d.C. al 1500 il suolo si sollevò di circa dieci metri al centro della caldera vulcanica fino a sfociare nella famosa eruzione di Monte Nuovo nel 1538.

  • dal 1600 al 1945 vi fu un abbassamento del suolo.

  • dal 1945 al 1953 vi fu un sollevamento dell'area.

  • ai periodi 1970-1972 e 1980-1982 corrispondono, rispettivamente, i picchi di due fasi di bradisismo positivo.

  • dal 2011 è in atto il sollevamento dell'area dei Campi Flegrei.



È praticamente un "sali e scendi" che spesso porta addirittura a trasformare il paesaggio circostante.
A tal proposito il Macellum di Pozzuoli, ovvero un antico mercato romano, è stato per secoli l'unico indice di riferimento per misurare il bradisismo nell'area Flegrea.


bradisismo campi flegrei


Infatti essendo la base del tempio collegata al mare attraverso una serie di cunicoli sotterranei, durante la fase di abbassamento l’acqua inonda la struttura e ricopre le colonne del mercato per diversi metri.
Bisogna sottolineare, però, che l’acqua visibile al suo interno è talvolta presente a causa delle precipitazioni e di una sorgente termale situata al di sotto della struttura ma sappiamo che in passato il livello dell’acqua (durante "forti abbassamenti del suolo") è arrivato fino a 6 metri dal pavimento dell’edificio.
Di conseguenza durante le fasi di bradisismo positivo aree un tempo bagnate dalle acque del golfo di Pozzuoli possono rimanere all'asciutto.


Questi però non sono gli unici problemi causati dal bradisismo poiché durante le fasi di sollevamento è possibile assistere a un incremento dell'attività sismica.
Lo stress causato dal "rigonfiamento dell'area" è la causa di eventi sismici che nel tempo possono diventare sempre più frequenti e violenti.

A tal proposito durante la crisi bradisismica di Pozzuoli degli anni ‘80 (tra 1982 e 1984) furono registrate addirittura 10mila scosse fino a un massimo di 500 terremoti in un solo giorno.
In questo caso sono eventi sismici che pur avendo una magnitudo relativamente bassa possono essere avvertiti in maniera violenta in quanto localizzati a pochissimi chilometri di profondità.

Purtroppo con l'attuale sollevamento del suolo nell'area flegrea il numero di terremoti registrati ogni anno cresce vertiginosamente.
A tal proposito, se l'argomento ti interessa, puoi guardare il video presente nella pagina dedicata ai Campi Flegrei se invece vuoi seguire l'attività sismica dell'area consulta la nostra lista terremoti.




Il bradisismo interessa anche altri vulcani ?

Molti vulcani attivi del pianeta nel tempo sono stati interessati da fenomeni bradisismici.
Ne è un esempio il vulcano Rabaul, situato in Papua Nuova Guinea, il quale, nel 2010, pochi mesi prima di un'importante eruzione, fece registrare un abbassamento della caldera vulcanica di circa 3-4 centimetri oppure la penisola islandese di Reykjanes, situata a poche decine di chilometri dalla capitale Reykjavík, dove tra Gennaio e Febbraio 2020 un'intrusione magmatica - ovvero una risalita di magma - ha causato un'inflazione (cioè un sollevamento) dell'area di circa 5 centimetri.


bradisismo penisola di reykjanes
(Penisola di Reykjanes / Islanda)


In conclusione possiamo ricordare anche il bradisismo del vulcano dei Colli Albani situato a pochi chilometri da Roma, sollevatosi dal 1950 di oltre 30 centimetri.
Il magma dei Colli Albani è ancora profondo, non crea una deformazione ampia e veloce ma pari a soli 2 millimetri l'anno.

Ogni settimana eruttano sempre nuovi vulcani ?

Iscriviti gratuitamente e ricevi per email un aggiornamento settimanale sui vulcani attivi del pianeta:


Aggiornamento settimanale


Torna su