Tu sei qui:

Vulcano Taal


  • Nazione
  • Tipologia
  • Ultima attività

  • Latitudine
  • Longitudine
  • Elevazione
  • Filippine
  • Caldera

  • 14.002° N
  • 120.993° E
  • 311 m


Descrizione


Nel nord delle Filippine a meno di 70 chilometri dalla capitale Manila, in un'area metropolitana abitata da oltre 12 milioni di persone, vi è un'enorme caldera vulcanica con un diametro di oltre 20 km.
Praticamente per darvi un'idea dimensioni superano anche i nostri Campi Flegrei.

Stiamo parlando del vulcano Taal uno degli edifici vulcanici storicamente più pericolosi e attivi delle Filippine.


monte taal filippine
(foto scattata da Sebastian Kupfahl)


La superficie della caldera del Taal è in gran parte occupata da un lago profondo circa 160 metri al cui centro vi è un'isolotto largo 5 km, costituito dalla sovrapposizione di alcuni piccoli stratovulcani, anelli di tufo e coni di scorie, al cui centro vi è un ulteriore lago (di dimensioni ben più piccole).
Questo particolare sistema di "lago nel lago" rende il Taal un vulcano unico nel suo genere, studiato da molti ricercatori e visitato ogni anno da migliaia di turisti.


L'enorme caldera vulcanica si è formata nel corso di un'intensa fase aeruttiva avvenuta tra 140mila e 6mila anni fa ma in epoca storica, precisamente dal 1572, pare che siano avvenute oltre 33 eruzioni vulcaniche.
L'ultima episodio eruttivo risale al 1977 ma da sempre tra gli scienziati vi era il timore di una nuova e imminente eruzione.

Ebbene il 12 Gennaio 2020, dopo 43 anni di quiete, il Monte Taal è esploso con violenza inaudita generando un'imponente colonna di cenere alta 4 chilometri che ha immediatamente spinto le autorità del luogo ad evacuare migliaia di residenti e a sospendere il traffico aereo !


eruzione vulcano taal
(foto scattata da @coffee_dante /IG)


Analizzando la recente attività sismica dell'area gli scienziati credono sia in atto uno spostamento del magma verso il cratere del Taal.



AGGIORNAMENTO Vulcano Taal

Come previsto dai ricercatori dagli esperti dell'Istituto filippino di vulcanologia e sismologia, all'indomani dell'esplosione freatica e per la precisione tra le 02.49 e le 04.28 (ora locale) del 13 Gennaio 2020, il vulcano Taal ha iniziato ad emettere fontane di lava dal cratere principale dell'enorme caldera vulcanica.


lava vulcano taal


Dopo mesi caratterizzati da un progressivo risveglio del vulcano (in quiescenza da oltre 40 anni) la situazione è completamente degenerata ieri 12 Gennaio 2020 quando alcuni eventi sismici, localizzati nella caldera vulcanica del Taal, hanno di poco anticipato l'inizio di una violenta eruzione freato-magmatica.

In sintesi la risalita di magma incandescente ha prodotto un aumento di pressione e di temperatura provocando l'evaporazione quasi istantanea dell'acqua (presente all'interno del vulcano) con conseguente esplosione di vapore, acqua, cenere, rocce e bombe vulcaniche.
Questo particolare tipo di eruzione/esplosione ha di conseguenza generato un densa colonna di fumo e cenere vulcanica che, stando alle ultime misurazioni satellitari, potrebbe aver raggiunto già i 15 chilometri di altezza disperdendosi inoltre in aree lontane oltre 1000 chilometri dal vulcano !
Numeri impressionanti che danno una vaga idea di quanto possa essere pericoloso il Monte Taal.

Un vulcano che purtroppo nel corso della sua storia, per via delle frequenti fasi eruttive, ha causato oltre 6000 vittime e che ad oggi è ancora più temuto rispetto al passato per via dell'aumento demografico avvenuto nei pressi della caldera vulcanica.
Ricordiamo infatti che nei pressi di Manila, capitale delle Filippine situata a circa 60 km dal vulcano Taal, vivono svariati milioni di abitanti.
La nube di cenere vulcanica ha già ricoperto un'area estremamente grande e col tempo vi è il rischio che possa uccidere un gran numero di animali e provocare alcune vittime tra coloro che soffrono già di problemi a livello respiratorio.


cenere vulcanica taal


Una situazione già di per sé difficile ma che potrebbe degenerare qualora si verificasse una nuova fase eruttiva.
Per tale motivo le autorità hanno emesso l'ordine di evacuazione totale per coloro che abitano nell'area esposta ai rischi maggiori.
Stiamo parlando di oltre 450mila abitanti che vivono nel raggio di 17 chilometri attorno al vulcano Taal.

Ricordiamo che tutte le eruzioni storiche, cosi come la fase eruttiva tuttora in corso, sono avvenute presso l'isolotto posto al centro dell'enorme lago "Taal" (che ha dato il nome al vulcano).
Il lago ricopre l'intera caldera vulcanica ovvero una depressione formatasi a seguito di una colossale eruzione vulcanica avvenuta migliaia di anni fa.
Questo complesso sistema vulcanico in passato è stato inoltre protagonista di diverse eruzioni estremamente catastrofiche.
A tal proposito esiste un indice con il quale è possibile classificare l'esplosività di un'eruzione vulcanica e che viene comunemente utilizzato per indicare il potenziale eruttivo di un vulcano.
Si tratta dell'indice VEI ovvero acronimo in lingua inglese di "Volcanic Explosivity Index".
Può essere utilizzato solo per le eruzioni esplosive poiché il valore che ne risulta (su una scala da 0 a 8) è calcolato considerando la quantità di materiale vulcanico eruttato e l’altezza che le nubi eruttive riescono a raggiungere in atmosfera.

Utilizzando questo particolare indice conosciamo perciò il potenziale esplosivo del Monte Taal.
Nei secoli scorsi infatti il vulcano Taal ha generato numerose eruzioni di VEI 4 ovvero con un'esplosività paragonabile all'eruzione del vulcano islandese che nel 2010 paralizzò i traffici aerei di mezza Europa.
Quasi 6mila anni fa però il Vulcano Taal ha dato vita ad una catastrofica eruzione di VEI 6 paragonabile come entità a quella del vulcano Krakatoa avvenuta nel 1883.
(secondo alcune fonti non confermate l'eruzione per ora potrebbe essere classificata come VEI 3)


eruzione magmatica taal
(fontane di lava del 13 Gennaio 2020)


Dunque come avrete capito ci sono tutti i presupposti affinché il Taal possa provocare un vero disastro.
Ovviamente noi ci auguriamo che ciò non avvenga mai o quanto meno che le autorità locali possano prima riuscire ad evacuare chiunque abiti nell'area rossa del vulcano.


Fonte

Chiudi



Clicca e ingrandisci l'immagine !

vulcano Taal

Nuovi vulcani in eruzione ?


Iscriviti gratuitamente e ricevi un aggiornamento ogni settimana sui vulcani attivi del pianeta. Clicca sul pulsante dorato e scopri tutti i vantaggi.

Aggiornamento settimanale


Torna su