Tu sei qui:

Cenere vulcanica



Per cenere vulcanica si itendono particelle di rocce e minerali di diametro inferiore ai 2 millimetri espulse durante le eruzioni vulcaniche.

E' un termine utilizzato anche per indicare tutti i materiali espulsi durante un'eruzione, che ricadono a terra e che hanno anche un diametro maggiore di 2 mm anche se in realtà, per materiali "cosi grandi", si dovrebbe utilizzare il termine tefrite.

Durante alcune incredibili eruzioni esplosive, la cenere vulcanica può essere scagliata anche a 20-30 km nell'atmosfera, basti pensare alle eruzioni avvenute in passato e prodotte da alcuni vulcani estremamente turbolenti come il Krakatoa, il Monte Saint Helens, il Pinatubo, il Vesuvio e i Campi Flegrei.
In questi casi viene trasportata dai forti venti presenti in quota e può facilmente estendersi su aree molto vaste !

Quando ciò succede, oltre a causare problemi all'aviazione (provocando la cancellazione di numerosi voli), possono registrarsi anche ripercussioni a livello climatico e tal proposito ti consigliamo di leggere l'articolo riguardante il legame tra attività vulcanica e clima.


La cenere vulcanica non è velenosa ma la sua inalazione può causare problemi a chi soffre di problemi respiratori.
La composizione delle ceneri è molto abrasiva e perciò può causare anche irritazione agli occhi.


cenere vulcanica Vulcano Etna
Immagine satellitare della cenere vulcanica dell'Etna

Ogni settimana eruttano sempre nuovi vulcani ?

Iscriviti gratuitamente e ricevi per email un aggiornamento settimanale sui vulcani attivi del pianeta:


Aggiornamento settimanale


Torna su