Tu sei qui:

Vulcano quiescente



E' detto vulcano quesciente se la sua ultima eruzione è avvenuta nel corso degli ultimi 10mila anni, se mostra segni di attività vulcanica, e se non esclusa la possibilità che possa torna ad eruttare nuovamente.

Da un punto di vista più tecnico e rigoroso, i vulcanologi considerano un vulcano quiescente se il tempo di riposo attuale è inferiore al più lungo periodo di riposo registrato in precedenza.
Ad esempio se in passato il Vesuvio non ha eruttato per 500 anni e attualmente sono passati soli 200 anni dalla sua ultima eruzione allora lo si può considerare quesciente.


Nonostante si trovi in un periodo di "riposo", in molti casi, vi sono numerosi fenomeni tipici del vulcanismo secondario (fumarole vulcaniche o ad esempio anche terremoti di piccola o moderata intensità).


Nel mondo attualmente esistono molti vulcani quescienti, basti pensare che solo in Italia abbiamo i Colli Albani, il Vesuvio, i Campi Flegrei, Ischia, alcuni vulcani delle Isole Eolie, Isola Ferdinandea e Pantelleria.

Perciò un vulcano quesciente è un vulcano attivo e sulla superifice terrestre (emersa) ve ne sono oltre 700...
Scopri quali sono tramite la mappa vulcani !

Ogni settimana eruttano sempre nuovi vulcani ?

Iscriviti gratuitamente e ricevi per email un aggiornamento settimanale sui vulcani attivi del pianeta:


Aggiornamento settimanale


Torna su